martedì 25 aprile 2017

immagini per un medioevo jacques le goff



  • Editore: Laterza; ottobre 2000
  • Collana: Grandi opere
  • Copertina rigida: 200 pagine

  • In questo volume il grande medievalista utilizza le immagini delle opere d'arte per condurre il lettore in un viaggio nella spiritualità, nella mentalità, nell'immaginario, nella vita quotidiana dell'uomo medievale. Le Goff mostra, attraverso il commento di 219 immagini, quale concezione l'uomo medievale avesse del corpo umano, degli animali, della natura, come vivesse il suo rapporto con il divino. Uno sguardo inedito e appassionante che rivela gli aspetti più singolari di quest'epoca straordinaria.

    Il Salento Normanno. Territorio istituzioni società

    Fonte: congedoeditore.it

    Autore: Poso, Cosimo Damiano 
    Editore: Congedo 
    Data di Pubblicazione: 1988 
    Pagine: 250 

    Gli studi raccolti in questo volume sono il frutto di una ricerca durata alcuni anni, incentrata su un'area geografica ben delimitata, il Salento in età normanna, di cui si sono volute ricostruire l'organizzazione territoriale, la dinamica degli insediamenti e le componenti socio-economiche. Sono aspetti significativi di un passato quasi inesplorato, soprattutto per quanto concerne le condizioni delle campagne salentine nel periodo compreso tra la fine del dominio bizantino e l'avvento degli Svevi.
    La torre medievale di Tuturano (BR)

    Quaderni medievali, dicembre 1988


    Fonte: edizionidedalo.it

    Una rivista semestrale dedicata al Medioevo, fondata nel 1976 da Giosuè Musca. Uno strumento di conoscenza e aggiornamento su tutti gli aspetti del Medioevo e sui problemi legati alla ricerca storica.

    Ruggero il Gran Conte e l'inizio dello Stato normanno


    Fonte: edizionidedalo.it

    TitoloRuggero il Gran Conte e l'inizio dello Stato normanno
    Edizione: Gennaio 1991 
    Pagine: 294
    A cura di: Centro di studi normanno-svevi dell'università degli Studi di Bari.

    Le eredità normanno - sveve nell'età angioina, persistenze e mutamenti nel Mezzogiorno

    anno: 2004
    mese: novembre
    pagine: 424
    note: illustrato
    A cura di: Università di Bari. Studi normanno-svevi



    a cura di Giosuè Musca
    Sedici specialisti indagano il momento di transizione dalla dinastia sveva a quella angioina nella storia del Mezzogiorno italiano. Giuseppe Galasso, Andreas Kiesewetter, Andrea Romano, Michel Balard, Jean-Marie Martin, Errico Cuozzo, Cosimo D. Fonseca, Salvatore Tramontana, Raffaele Licinio, Hubert Houben, Antonio Cadei, Pina Belli D'Elia, Pierluigi Leone De Castris, Fabio Troncarelli, Stefano Palmieri, Giovanni Vitolo.

    Gli atti delle «quindicesime giornate normanno-sveve» tenute a Bari nell'ottobre 2002: sedici specialisti indagano il momento di transizione dalla dinastia sveva a quella angioina nella storia del Mezzogiorno italiano. Il trasferimento della capitale da Palermo a Napoli, il governo e l'amministrazione centrale del Regno, le autonomie e i poteri locali, la politica mediterranea di Carlo I d'Angiò, la vecchia e la nuova aristocrazia feudale, le investiture cavalleresche, il rapporto tra la terra e gli uomini, la normativa del sistema masseriale, l'amministrazione dei castelli, le costruzioni promosse da Federico II e Carlo I, l'architettura sacra, le arti figurative, i manoscritti angioini e svevi, i registri della cancelleria angioina.

    Uomo e ambiente nel Mezzogiorno normanno-svevo



    Editore: Dedalo 
    Anno edizione: 1989 
    Pagine: 368 
    A cura di: Centro di studi normanno-svevi Università di Bari. 

    Fonte: edizionidedalo.it

    Ambiente fisico e catastrofi naturali; il lavoro agricolo e i contratti agrari; cereali e legumi; boschi e legno; pelli e pellami; apicoltura, cera e miele; miniere e minerali; ceramica e vetro; liberi e servi; giochi, feste e spettacoli: i nuovi temi della ricerca storica sul Mezzogiorno medievale. Gli atti delle "ottave giornate normanno-sveve" tenute a Bari nell'ottobre 1987: il contributo di quattordici specialisti ad un approfondimento dei rapporti tra gruppi umani e territorio nel Mezzogiorno italiano dei secoli Xl-XIII. In queste coordinate di spazio e di tempo, l'ambiente fisico e le catastrofi naturali; il lavoro agricolo nei ritmi del tempo liturgico; la produzione di cereali e legumi; i contratti agrari e la trasformazione dell'ambiente; boschi e legno; pelli e pellami; apicoltura, cera e miele; miniere e minerali; ceramica e vetro; servi e liberi, e i loro giochi, feste, spettacoli. Un ampio panorama di bilanci e nuove ricerche di storia economico-sociale del Mezzogiorno medievale.

    Potere, società e popolo tra età normanna ed età sveva



    Editore: Dedalo 
    Pagine: 264 
    Data di Pubblicazione: febbraio 1993 
    A cura di : Centro di studi normanno-svevi dell' Università degli studi di Bari. 

    Gli atti delle "quinte giornate normanno-sveve" tenute a Bari e Conversano nell'ottobre 1981: il contributo di undici specialisti italiani e stranieri alla ricostruzione della storia del Mezzogiorno italiano nel momento di passaggio dall'età normanna all'età sveva. I rapporti del Regno di Sicilia con l'Impero d'Occidente ed il Papato; il periodo della minore età di Federico II di Svevia; la monarchia e la Crociata; i ceti sociali e i gruppi etnici; la "coscienza del Regno" nei cronisti meridionali; le idee sulla regalità; i fenomeni artistici come espressione del potere: momenti e problemi di grande rilievo storico in un'età di crisi e trasformazioni.

    LinkWithin

    Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...